Home » ZIC – Zygomatic Implants Clinic

ZIC ® - Zygomatic Implants Clinic ®

Storia

Nel 1990 il Prof. P.I. Branemark per primo ha iniziato a utilizzare le strutture ossee della guancia come punto di ancoraggio per impianti endoossei più lunghi rispetto a quelli tradizionali chiamandoli "impianti zigomatici" in situazioni cliniche di grave atrofia del mascellare superiore che non permettevano l'inserimento di impianti tradizionali. Dopo 10/13 anni dall'inizio della sperimentazione un'ampia letteratura scientifica è stata pubblicata per dimostrare l'efficacia e la riproducibilità di questa nuova tecnica chirurgica sovrapponibile a quella dell'implantologia tradizionale.

La chirurgia con Impianti Zigomatici è stata utilizzata in questi ultimi venti anni in tutto il mondo in maniera efficace tanto che attualmente rappresenta un punto fermo dell'implantologia moderna in quelle cliniche dove la chirurgia implantare rappresenta l'eccellenza. Questa tecnica non ricerca l'ancoraggio osseo nel mascellare atrofico, come avviene nell'implantologia tradizionale, ma solo ed esclusivamente nell'osso zigomatico: gli impianti zigomatici sono più lunghi, in genere da 3,5 a 5 cm, rispetto a quelli tradizionali che in genere hanno una lunghezza massima fino a 1,6 cm.

L'osso zigomatico presenta una qualità ed uno spessore ideale all'inserimento di impianti nella maggior parte dei pazienti: in ogni zigomo c'è osso sufficiente in spessore ed altezza ad inserire uno o due impianti. Una volta inseriti 4 impianti zigomatici, due per ciascun lato, è possibile entro 48 ore inserire una protesi fissa provvisoria avvitata per il carico immediato.

Indicazioni Chirurgiche

Gli Impianti Zigomatici trovano indicazione elettiva in quei pazienti che hanno una grave atrofia nel mascellare superiore dove non è possibile inserire impianti tradizionali e soprattutto quando l'opzione di inserimento di osso autologo o eterologo non è percorribile. Tale chirurgia può essere eseguita a qualunque età senza limiti purchè ci siano le medesime condizioni cliniche generali che permettono l'inserimento di un impianto tradizionale: chirurgia con assistenza anestesiologica e dopo due giorni carico immediato.

Con l' Implantologia Zigomatica il paziente può masticare con denti fissi due giorni dopo l'intervento, mentre con gli innesti di osso se tutto va bene il paziente mastica con una protesi fissa otto mesi dopo l'intervento e deve sopportare per tutto questo periodo i disagi di una dentiera provvisoria con il palato.

Spesso è sufficiente inserire un solo impianto zigomatico per lato se nella regione anteriore della mascella c'è osso sufficiente ad inserire due o più impianti tradizionali.

Prima della chirurgia
Dopo la chirurgia

Implantologia Zigomatica o innesto di osso?

L'innesto di osso è una tecnica che presenta vari limiti:

  • l'osso da innestare deve essere prelevato da altre zone dello scheletro del paziente, in genere dalla pelvi o dalla teca cranica (prima chirurgia in anestesia generale)
  • dopo l'inserimento dell'osso nel mascellare il paziente non può portare alcuna dentiera provvisoria per lungo tempo
  • dopo sei mesi dall'innesto di osso si possono inserire gli impianti (seconda chirurgia) e portare per altri sei mesi la dentiera prima di poter inserire una protesi fissa
  • i disagi post-intervento di queste due chirurgie sono elevati
  • i denti fissi si possono mettere solo 12 mesi dopo l'inizio della riabilitazione
  • le percentuali di successo di questa tecnica variano dal 60 all' 80%
Quali sono i vantaggi dell' Implantologia Zigomatica?
  • la riabilitazione prevede una sola chirurgia
  • 24/48 ore dopo la chirurgia il paziente riceve una protesi fissa provvisoria
  • alte percentuali di successo della riabilitazione intorno al 98% dei casi
  • i disagi post-intervento sono limitati
  • per l'intera durata del trattamento non si portano protesi mobili (dentiere con palato)
  • la riabilitazione dura solo 6 mesi con l'inserimento di una protesi fissa definitiva

TABELLA DI CONFRONTO TRA INNESTO OSSEO E IMPIANTI ZIGOMATICI

INNESTO OSSEO AUTOLOGO IMPIANTI ZIGOMATICI
NUMERO CHIRURGIE 2 1
DENTIERA PROVVISORIA 10 MESI NON NECESSARIA
DENTI FISSI DOPO 12 MESI DOPO 24 ORE
DURATA TERAPIA 12 MESI 6 MESI
DISAGIO POST-CHIRURGICO ELEVATO BASSO
PROBABILITA’ DI SUCCESSO 60-80% 98%
COSTI SOVRAPPONIBILI

Procedura Chirurgica

Prima di eseguire l'intervento, un attento studio radiografico tridimensionale (3D Cone Beam) viene eseguito per valutare qualità e spessore dell'osso mascellare e delle due arcate zigomatiche. Gli impianti zigomatici sono inseriti in un'unica procedura chirurgica con sedo-analgesia endovenosa o in anestesia generale.

Gli impianti zigomatici posso essere inseriti all'interno, all'esterno o adiacenti ai due seni mascellari: studi più recenti riconducibili al Dott. Carlos Aparicio permettono di inserire gli zigomatici senza entrare nel seno mascellare ( "Zygoma Anatomy-Guided Approach" ) riducendo l'invasività della procedura e i tempi chirurgici.

La tipologia di posizionamento degli zigomatici viene determinata dalla posizione di ciascun impianto nel tratto distale che si inserisce nello zigomo e dalla parte prossimale che emerge dal palato alla quale viene avvitato un moncone angolato di supporto protesico:

  • la parte più craniale dell'impianto deve essere inserita nell'osso zigomatico in maniera tale da dare allo stesso stabilità primaria
  • la parte più distale deve emergere sulla cresta ossea del mascellare in genere tra il secondo premolare ed il primo molare superiore
  • il risultato è l'emergenza dei due o quattro impianti zigomatici in cresta e non nel palato in maniera tale venga costruita una protesi fissa avvitata con il massimo confort


DUE OPZIONI CHIRURGICHE
Opzione 1 : Quattro Impianti Zigomatici
Quattro impianti zigomatici sono inseriti in un mascellare così atrofico che non è possibile inserire due o più impianti tradizionali nella zona anteriore della mascella con una protesi fissa provvisoria in resina avvitata agli impianti entro 24 ore dall'intervento ( Denti Fissi in 1 giorno).
Opzione 2 : Due Impianti Zigomatici
Due impianti zigomatici sono inseriti, uno per parte, nelle arcate zigomatiche con emergenza in corrispondenza del secondo premolare superiore e tre o quattro impianti tradizionali inseriti nelle zona anteriore della mascella: una protesi fissa provvisoria in resina viene avvitata agli impianti entro 24 ore dall'intervento ( Denti Fissi in 1 giorno).

Benefici per i pazienti

  • Migliore estetica della bocca
  • Denti e gengive naturali
  • Libertà di mangiare qualsiasi cibo
  • Denti fissi e no protesi mobili
  • Stop con denti che fanno male
  • Protesi fisse di lunga durata
  • Tempi di guarigione più rapidi rispetto agli innesti ossei
  • Necessità di poca "manutenzione"

Prenditi cura della tua igiene orale dopo la chirurgia implantare:
Se ti sottoponi ad una riabilitazione con impianti zigomatici è molto importante avere una igiene domiciliare molto accurata della protesi avvitata agli impianti: oltre allo spazzolamento questi pazienti utilizzano l'idropulsore e dei fili interdentali specifici per la quotidiana pulizia intorno all'emergenza degli impianti e sulla protesi. Fondamentale infine è sottoporsi a controlli e igiene orale presso il proprio dentista almeno due volte all'anno.

I pazienti affetti da bruxismo o serramento notturno dovranno portare sempre di notte per almeno 12 mesi una placca di protezione notturna tipo placca gnatologica (bite).

Bibliografia

1. Vrielinck L, Politis C, Schepers S, Pauwels M, Naert I. Image-based planning and clinical validation of the zygoma and pterygoid implant placement in patients with severe bone atrophy using customized drill guides. Preliminary results from a prospective clinical follow-up study. Int J Oral Maxillofac Surg 2003;32:7-14.

2. Parel SM, Branemark PI, Ohrnell LO, Svensson B. Remote implant anchorage for rehabititation of maxillary defects. J Prosthet Dent 2001;86:377-81.

3. Stevenson AR, Austin BW. Zygomaticus fixtures: the Sidney experience. Ann R Australas Coll Dent Surg 2000;15:337-9.

4. Branemark P-I. Surgery and fixture installation. Zygomaticus fixture clinical procedures (ed 1). Goteborg, Sweden: Nobel Biocare AB; 1998. p. 1.

5. Widmark G, Andersson B, Carlsson GE, Linvall AM, Ivanoff CJ. Rehabilitation of patients with severely resorbed maxillae by means of implants with or without bone grafts: a 3 to 5-year follow-up clinical report. Int J Oral Maxillofac Implants 2001;16:73-9.

6. Bedrossian E, Stumpel III L. Immediate stabilization at stage II of zygomatic implants: rationale and technique. J Prosthet Dent 2001;86:10-4.

7. Boyes-Varley J, Howes D, Lownie J, Blackbeard G. Surgical modifications to the Branemark zygomaticus protocol in the treatment of the severely resorbed maxilla: a clinical report. J Oral Maxillofac Implants 2003;18:232-7.

8. Weischer T, Schettler D, Mohr C. Titanium implants in the zygoma as retaining elements after hemimaxillectomy. Int J Oral Maxillofac Implants 1997;12:211-4.

9. Tamura H, Sasaki K, Watahiki R. Primary insertion of implants in the zygomatic bone following subtotal maxillectomy. Bull Tokyo Dent Coll 2000;41:21-4.

10. Aparicio C, Branemark P-I, Keller EE, Olive J. Reconstruction of the premaxila with autogenous iliac bone in combination with osseointegrated. Int J Oral maxillofac Implants 1993;8:61-7.

11. Uchida Y, Goto M, Katsuki T, Akiyoshi T. Measurement of the maxilla and zygoma as an aid in installing zygomatic implants. J Oral Maxillofac Surg 2001;59:1193-8.

12. Nkenke E, Hahn M, Lell M, Wiltfang J, Schultze-Mosgau S, Stech B, et al. Anatomic site evaluation of the zygomatic bone for dental implant placement. Clin Oral Impl Res 2003;14:72-9.

13. Kato Y, Kizu Y, Tonogi M, Ide Y, Yamane G. Internal structure of zygomatic bone related to zygomatic fixture. J Oral Maxillofac Surg 2005;63:1325-9.

14. Balshi TJ, Wolfinger GJ. Treatment of congenital ectodermal dysplasia with zygomatic implants: a case report. Int J Oral Maxillofac Implants 2002;17:277-81.

15. Peñarrocha M, Uribe R, Rambla J, Guarinos J. Fixed rehabilitation of a patient with hypohidrotic ectodermal using zygomatic implants. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Oral Endod 2004;98:161-5.

16. Schmidt BL, Pogrel MA, Young CW, Sharma A. Reconstruction of extensive maxillary defects using zygomaticus implants. J Oral Maxillofac Surg 2004;62:82-9.

17. Landes CA. Zygoma implant-supported midfacial prosthetic rehabilitation: a 4-year follow-up study including assessment of quality of life. Clin Oral Implant Res 2005;16:313-25.

18. Pham AV, Abarca M, De Mey A, Malevez C. Rehabilitation of a patient with cleft lip and palate with an extremely edentulous atrophied posterior maxilla using zygomatic implants: case report. Cleft palate Craniofac J 2004;41:571-4.

19. Bowden JR, Flood TR Downie IP. Zygomaticus implants for retention of nasal prostheses after rhinectomy. Br J Oral Maxillofac Surg 2006;44:54-6.

20. Petruson B. Sinuscopy in patients with titanium implants in the nose and sinuses. Scand J Plast Reconstr Surg Hand Surg 2004;38:86-93.

21. Stella J, Warner M. Sinus slot technique for simplification and improved orientation of zygomaticus dental implants: a technical note. Int J Oral Maxillofac Implants 2000;15:889-93.

22. Peñarrocha M, Uribe R, García B, Martí E. Zygomatic implants using the sinus slot technique: clinical report of a patient series. Int J Oral Maxillofac Implants 2005;20:788-92.

23. Salinas T. Implant treatment and the edentulous maxilla. Pract Proced Aesthet Dent 2004;16:247-8.

24. Bothur S, Jonsson G, Sandahl L. Modified technique using multiple zygomatic implants in reconstruction of the atrophic maxilla: a technical note. Int J Oral Maxillofac Implants 2003;18:902-4.

25. Bedrossian E, Stumpel III L, Beckely M, Indersano T. The zygomatic implant: preliminary data on treatment of severely resorbed maxillae. A clinical report. Int J Oral Maxillofac Implants 2002;17:861-5.

26. Branemark PI, Grondahl K, Ohrnell LO, Nilsson P, Petrusson B, Svensson B, et al. Zygoma fixture in the management of advanced atrophy of the maxilla: technique and long-term results. Scand J Plast Reconstr Surg Hand Surg 2004;38:70-85.

27. Malevez C, Abarca M, Durdu F, Daelemans P. Clinical outcome of 103 consecutive zygomatic implants: 6-48 months follow-up study. Clin Oral Impl Res 2004;15:18-22.

28. Hirsch JM, Öhrnell LO, Henry P, Andreason L, Branemark P, Chiapasco M, et al. A clinical evaluation of the zygoma fixture: one-year follow-up at 16 clinics. J Oral Maxillofac Surg 2004;62:22-9.

29. Al-Nawas B, Wegener J, Bender C, Wagner W. Critical soft tissue parameters of the zygomatic implant. J Clin periodontal 2004;31:497-500.

30. Nakai H, Okazaki Y, Ueda M. Clinical application of zygomatic implants for rehabilitation of the severely resorbed maxilla: a clinical report. Int J Oral Maxillofac Implants 2003;18:566-70.

31. Becktor JP, Isaksson S, Abrahamsson P, Sennerby L. Evaluation of 31 zygomatic implants and 74 regular dental implants used in 16 patients for prosthetic reconstruction of the atrophic maxilla with cross-arch fixed bridges. Clin Implant Dent Relat Res 2005;7:159-65.

color
http://www.scuolaimplantologia.it/scuola/wp-content/themes/yunik-installable/
http://www.scuolaimplantologia.it/
#EDB44D
style1
scrollauto
Loading posts...
#555555
on
none
loading
#555555
Sort Gallery
http://www.scuolaimplantologia.it/scuola/wp-content/themes/yunik-installable
on
yes
yes
off
off
Newsletter Input text
off
off